Un giorno d'estate del 2011, Diya, un bambino che allora aveva poco più di sei anni, giocava a calcio con i suoi migliori amici, Amir, Mohammad e Alì, nella città di Homs, in Siria. All’improvviso mentre calciava il pallone, un bombardamento aereo l’ha colpito, tranciandogli la gamba sinistra, lasciandogli poco più che un moncherino di femore. ...

Pagine